Tempo di lettura stimato: < 1 minuti

I “bambini digitali” sono chiamati così perché non sanno come sia un mondo senza tecnologia. Tablet, smartphone e videogiochi sono diventati i loro indispensabili e irrinunciabili compagni, arrivando anche a sostituire l’interazione con i genitori e i coetanei.

E che conseguenze può comportare tutto ciò?

A preoccuparsi maggiormente è la SIPSS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) che denuncia un’alterazione della creatività e un declino dell’empatia nei più piccoli.
L’uso dei dispositivi, inoltre, aumenta ancora durante le vacanze quando la scuola è chiusa, gli amici sono via e i corsi extrascolastici sono terminati.

Come possono fare, allora, i genitori per stimolare il gioco e la creatività dei figli evitando che rimangano sopraffatti e dipendenti dal mondo digitale?

La SIPSS dà 5 semplici consigli da seguire:

1 – sfruttare i corsi extrascolastici o estivi per spingere i bambini a muoversi, interagire e stare all’aria aperta.

2 – cercare di far stare i bambini il più possibile all’aperto a contatto col sole e la natura.

3 – continuare ad avere dei ritmi giornalieri regolari anche se si è in vacanza; i ritmi possono essere magari più flessibili, ma pur sempre regolari.

4 – fare sempre attenzione alla quantità e alla qualità del cibo in modo da evitare che i bambini associno lo stato di noia all’azione del mangiare.

5 – permettere l’uso delle tecnologie, ma anche regolamentarlo perché le vacanze devono servire a interagire e a vivere esperienze.

Sostanzialmente, l’utilizzo delle tecnologie non può e non deve essere evitato, quello che è necessario, invece, è farne buon uso e nella giusta quantità.

Leave a Reply

×

Hello!

Click one of our representatives below to chat on WhatsApp or send us an email to mariocorallo@gmail.com

× Ciao! Come posso aiutarti?